Ozzy Osbourne: Alcune curiosità su “The Mad Man”!!

Alcune curiosità su Ozzy Osbourne

Conoscete Ozzy Osbourne? Beh difficile non averlo sentito nominare nemmeno una volta!

Conosciuto anche come “Principe delle Tenebre” o “Mad man“, è uno degli artisti hard rock più conosciuti del pianeta. Famoso soprattutto per essere  il cantante dei Black Sabbath, ha dato il “la” alla nascita del doom e di diversi altri generi, ancora oggi suonati eapprezzati.

Su Ozzy circolano tantissime curiosità, leggende (forse?), storie molto “particolari”, sulla cui veridicità non ci si può esprimere con certezza. Sicuramente, la sua è una vita molto discussa, fatta di eccessi e tanta tanta musica.

Ma ora, passiamo ad una lista di storielle sul suo conto! Pronti?? 😉

  • L’acronimo della canzone “S.A.T.O.“, sta per Sharon Arden (che era la sua manager e futura moglie al tempo) e Thelma Osbourne, sua prima moglie.
  • Nel 2010 Nathaniel Pearson, un genetista di Cambridge, ha scoperto che Ozzy Osbourne possiede un gene che gli permette di metabolizzare sostanze che le altre persone avrebbero difficoltà ad assimilare. Forse proprio per questo è ancora vivo nonostante la sua vita decisamente sregolata…
  • Ozzy detestava molto un suo compagno di scuola: Anthony Frank Iommi (noto in futuro come Tony Iommi). Chi gli doveva dire a quel tempo che sarebbero diventati compagni di band?
  • Alcuni tatuaggi di Ozzy (compresa la scritta “Ozzy” all’altezza delle quattro nocche di una mano) sono sue “autoproduzioni” fatte durante un periodo che passò in carcere.
  • Alla fine della registrazione in studio della canzone Crazy Train, la risata finale e la parola egg non erano “programmate”. In realtà sono il risultato del giocherellare di Ozzy con l’oscillatore degli effetti speciali mentre un addetto, dopo che gli era stato chiesto cosa avesse mangiato a colazione, rispose “an egg”.
  • In alcune canzoni sono stati trovati messaggi subliminali a sfondo satanico. Esempi si trovano in Bloodbath in Paradise e in  Believer. Nella prima, mandando al contrario l’inizio della canzone, si dovrebbe sentire “Your Mother sells whelks in Hell“, ovvero “Tua madre succhia cazzi all’inferno”, celebre frase del film “L’esorcista“. Nella seconda, la frase “Watching the time go and feeling belief grow/  Rise above the obstacles”, se ascoltata al contrario, dice “Won’t you live? Believe me, for now suit yourself”, ovvero “Vuoi vivere? Credimi, per ora fai ciò che ti piace”, frase che ricorda il motto dell’occultista Aleister Crowley “Fai ciò che ti piace”.
  • Ozzy sembra non amare molto gli animali. Alcuni eventi davvero, permettetemi il termine,  “folli” lo testimoniano.
    Il primo fu il 20 gennaio 1982, durante un suo concerto a Des Moines nello Iowa. Qualcuno lanciò un pipistrello vivo nel palco e Ozzy, con molta nonchalance, lo raccolse e gli staccò a testa a morsi! Pensava si trattasse di un giocattolo di gomma, visto che l’animale non si muoveva a causa delle forti luci sul palco, e l’accaduto destò grandissima preoccupazione, tanto che la moglie Sharon lo portò subito in ospedale a farlo vaccinare. Successivamente sulla copertina dell’album di Speak of The Devil del 1982, Ozzy Osbourne è ritratto con un qualcosa intorno alla bocca che pare essere sangue e il disegno del pipistrello nella parte superiore. In realtà, è semplicemente marmellata di lamponi.Ma non è finita mica qui!
    Nel 1981, durante una riunione con l’emittente televisiva CBS, Ozzy aveva avuto l’idea di liberare al termine dell’incontro delle colombe, simbolo universale della pace. Peccato che durante la liberazione, ne prese una e, anche in questo caso, “decise di assaggiarla”.
    Nel 1984, invece, durante il tour di Bark at the Moon, Ozzy sfidò Nikki Sixx a chi avrebbe commesso gli atti più disgustosi possibili. Difficile battere uno come il nostro caro Ozzy. Dopo aver bevuto entrambi la propria urina, Ozzy bevve anche quella di Nikki e, non contento, per stupire il pubblico, sniffò delle povere formichine che erano di passaggio nella stanza. Ultime due vicende (disgustose aggiungerei) e poi smetto, giuro! Ozzy non si è comportato bene nemmeno con i suoi animali! A quanto dichiarato dalla prima moglie Thelma, una volta rientrò a casa e trovò il marito vestito di bianco, armato di fucile e coltello da caccia sporco di sangue, rintanato sotto il pianoforte. Pare avesse ucciso tutti i suoi 17 gatti.
    Ultima “avventura”, se così la si può chiamare, ci viene raccontata da Tony Iommi nella sua biografia. Il chitarrista rivela che ne 1971 alloggiava con il resto della band nell’hotel Edgewater di Seattle. Essendo costruito su palafitte, esso dava la possibilità agli alloggianti di pescare direttamente dalla propria finestra grazie alle lenze fornite dalla reception. Il nostro Ozzy avrebbe mai potuto pescare qualcosa di “normale”? Ovviamente no, per cui a fargli compagnia nella stanza ci fu uno squalo. Lo lasciò nella vasca da bagno per andare a fare un concerto, ma, al suo ritorno, lo trovò morto. Decise così di tagliarlo a pezzetti riempiendo la stanza di sangue. Ma non finisce mica qui la storia! Ozzy, spalleggiato da Tony, decise di lanciare con la lenza i resti dello squalo attraverso la finestra aperta di Bill Ward. Potete bene immaginare la gioia del batterista.

Dopo questo, come vedete il nostro caro Ozzy Osbourne? 😉

STAY ROCK! 😉

Related posts

Rispondi