Aleksi Susi “That Ship is Still Waiting”: Sale sulla nave del cambiamento | (Review: Pier-X)

Aleksi Susi That Ship is Still Waiting Sale sulla nave del cambiamento (Review Pier-X)

“That Ship is Still Waiting” – “Una sorpresa dunque questo disco, tanto lontano da quanto fatto sinora quanto affascinate e coinvolgente. Tre brani tirati e nemmeno troppo estesi; una collana di sole tre perle ma di un chiarore accecante, che con un sound minimal-chic e lasciatemi dire, una semplicità disarmante, si insinua prima nella pelle del collo alla quale è stata allacciata, poi nei muscoli, nel sangue e nel sistema nervoso fino a causare dipendenza.” “That Ship is Still Waiting” – “This record is a surprise. Very different from what…

Read More

Modena City Ramblers “Mani come rami, ai piedi radici”: i MCR ci sanno ancora fare | (Review: Francesco952)

Modena City Ramblers Mani come rami, ai piedi radici Review Francesco952

“L’utopia è rimasta, la gente è cambiata la risposta ora è più complicata” è un pezzo di una delle canzoni più famose dei MCR (mia dolce rivoluzionaria) che potrebbe descrivere l’impatto dell’ultimo album della band folk rock modenese: la giusta ma complicata risposta per una difficile domanda da parte dei fan. A quattro anni di distanza dal loro ultimo album con inediti, i Modena City Ramblers sono tornati con un nuovo album rilasciato il 10 marzo scorso: “Mani come rami, ai piedi radici“. Questo nuovo lavoro dei Modena presenta, inoltre,…

Read More

BÖNEYARD “Below Mediocrity”: Non è con un titolo accattivante che si fa un buon disco | (Review: Ktulu)

Böneyard Below Mediocrity Review

I Böneyard sono un gruppo Black/Thrash ‘N’ Roll nato nel 2015. Il titolo del loro primo Ep “Below Mediocrity” mette in guardia l’ascoltatore, creando aspettative in un disco che lascerà sorpresi o che quanto meno non vada al di sotto della mediocrità. L’artwork colpisce sin dall’inizio, ed è fra le poche cose che ho apprezzato in questo lavoro della band greca. Chiarissimi sono i riferimenti alle band alle quali si ispirano, ovvero: i Metallica di “Kill em All” e dei primi EP, i Motörhead, padri dello speed metal, e i…

Read More

Black Cult “Cathedral Of The Black Cult”: Quando la ripetizione incide sulla qualità | (Review: Mystisk Død)

Black Cult Cathedral Of The Black Cult Quando la ripetizione incide sulla qualità (Review Mystisk Død)

Direttamente dalla Croazia, i Black Cult sono un progetto Black Metal formato nel 2013 da Insanus

Read More

Dream Theater “Metropolis Pt.2: Scenes From A Memory”: “Ipnosi Prog”… l’ispezione di un capolavoro | (Review: Ktulu)

Metropolis Pt.2 Scenes From A Memory Review

“Metropolis Pt.2: Scenes From A Memory” è uno dei dischi ai quali sono più legato, con cui son

Read More

Linkin Park “Hybrid Theory”: L’eredità Ibrida di Chester Bennington | (Review: Mystisk Død)

Hybrid Theory

Hybrid Theory è, nella storia del gruppo, nell’olimpo come uno dei lavori più rappresentativi del

Read More

Gathering Darkness “The Heat Of A Dying Sun”: Un disco da consigliare | (Review: Nolèg)

The Heat Of A Dying Sun

I Gathering Darkness nascono nell’estate del 1998 a Santander (Cantabria). Musicalmente orientati

Read More

Divine Weep “Tears Of The Ages”: Analogie tra band | (Review: Nolèg)

Tears Of The Ages

I Divine Weep sono una band Heavy/power metal polacca, nata a metà anni ’90, che, diversamente da

Read More

Mind Enemies “Revenge”: Un disco da scoprire | (Review: Nolèg)

Revenge

I Mind Enemies nascono nel marzo del 2011 come progetto solista di Giuseppe

Read More

Afghan Whigs “In Spades”: In scena con un nuovo album alternative rock! | (Review: Nòleg)

in spades

Gli  Afghan Whigs tornano in scena con IN SPADES, un nuovo album alternative

Read More