LeFragole: la band ci presenta il nuovo album “maremosso” /// [Intervista]

LeFragole la band ci presenta il nuovo album maremosso Intervista

I Lefragole sono un duo che nasce nel 2007 con una vasta produzione cantautoriale, da subito apprezzata nei vari ambienti musicali.

Conosciamoli in modo più approfondito con queste domande che noi di Rock’s Temple abbiamo preparato per loro!

-Scoprite la biografia della band alla fine dell’intervista-


 

1. Diamo il benvenuto ai “LeFragole” qui su Rock’s Temple. Ciao ragazzi raccontateci qualcosa di voi…

Ciao! Siamo un duo di cantastorie che mescola la musica pop-rock a una messa in scena teatrale per contestualizzare ogni brano e coinvolgere il più possibile il pubblico nello spettacolo dal vivo. Marco è un cantautore prolifico cresciuto a pane, Battisti e Beatles, mentre Carlo Alberto è un attore e regista pronto a costruire allestimenti in grado di valorizzare le canzoni, inventando bizzarri strumenti musicali.
Il risultato è frizzante e giocoso, cerchiamo di trattare temi profondi in modo leggero ma non banale, attraverso melodie raffinate ma pronte per essere fischiettate.

 

2. Quando e come nacquero i “LeFragole”?

LeFragole sono nate ormai 10 anni fa, dalle ceneri della band Radio KO. È stata un’evoluzione, che in realtà è proseguita anche in questi anni, con una formazione in continuo mutamento: abbiamo raggiunto anche gli 8 elementi, con strumenti classici come arpa, violino, flauto traverso, ma in questa nuova incarnazione “a duo” abbiamo trovato un’identità più distintiva che ci permette di raggiungere il pubblico percorrendo strade più originali e sorprendenti, per chi ci ascolta ma soprattutto per noi!

 

3. Parliamo del vostro nuovo album: “maremosso”. Perchè la scelta di questo titolo? Diteci qualcosa in più…

“maremosso” è un titolo nato in extremis, a pochi giorni dalla chiusura dell’album. Per una band la chiusura dell’album è un periodo particolarmente intenso, tra tracce da ultimare, arrangiamenti da aggiustare, contattare chi stamperà i CD, occuparsi della SIAE e di tutta la burocrazia… In questo turbine di cose da fare, sopraffatto dagli impegni Marco è sbottato con – Uff, sono un maremosso!-
Ci è sembrata un’espressione stupenda e abbiamo deciso di catturarla e farla nostra. Ci siamo resi conto che le onde del mare in burrasca sono un’immagine che descrive alla perfezione il continuo movimento e l’agitazione che caratterizza molti brani dell’album: le folle in rivolta nelle strade, le inquietudini dentro ognuno di noi, i tormenti che segnano i legami di amicizia e di amore, i piccoli e grandi cambiamenti che incontriamo nella nostra vita. È un moto perpetuo che non ci deve spaventare perché è naturale, nell’ordine delle cose, proprio come le onde del mare; quando sono più grandi significa che è in corso una trasformazione, sta cambiando qualcosa, stiamo vivendo.
E quindi il titolo perfetto era “maremosso”, scritto tutto attaccato, un neologismo adatto per descrivere questa sensazione, questo sentimento che tutti incontrano nel corso della propria esistenza.

 

4. Siete soddisfatti del vostro lavoro?

Senza false modestie: sì!
In particolare siamo orgogliosi di aver realizzato tutto in completa autonomia, dalla composizione agli arrangiamenti, dalla registrazione dei brani alla grafica dell’album, abbiamo ormai sviluppato una macchina produttiva che ci ha consentito di realizzare il prodotto che volevamo a 360° senza doverci appoggiare ad altri, e di questi tempi nel panorama della musica indipendente è un traguardo importante.

 

5. Come nacque “Radio Alice” e quale significato si cela dietro a questo brano?

“Radio Alice” è una canzone nata un po’ “per necessità” ma alla fine è diventata tra le nostre preferite, al punto da sceglierla come primo singolo dell’album.
Stavamo sviluppando uno spettacolo di teatro-canzone intitolato “Bologna FM”, che ora stiamo portando in giro per locali e piccoli teatri: simuliamo una radio locale indipendente, come la “Radio Freccia” di Ligabue, nella quale raccontiamo la nostra città attraverso aneddoti, curiosità e canzoni originali. Era una missione relativamente semplice, visto che nel nostro repertorio c’erano già una dozzina di brani musicali che parlano di Bologna e di suoi elementi caratteristici.
Però le canzoni non bastavano, ne servivano alcune in più per “fare numero” e così abbiamo pensato ad alcuni aspetti della città che avremmo voluto raccontare, determinati argomenti; la storia musicale della nostra città doveva essere un elemento centrale e “Radio Alice” è stata un’emittente di fondamentale importanza non solo per Bologna, ma per tutta la radiofonia italiana. È stato un esperimento di comunicazione senza precedenti, che si è concluso bruscamente in modo ingiusto, e volevamo raccontare questa storia, per celebrarla alle orecchie di chi in quegli anni c’era, e farla conoscere magari agli ascoltatori più giovani che non la conoscono.

 

6. Tra i vari riconoscimenti che avete avuto, qual è stato quello più bello o inaspettato? E cosa avete provato in quel momento?

Al di là di recensioni positive e l’apprezzamento del pubblico, che ci riempiono sempre di gioia, due momenti particolarmente emozionanti per noi sono legati a due “vere storie inventate”, ovvero canzoni frutto della nostra fantasia ma che poi abbiamo scoperto trovare un fondamento nella realtà.
La prima è “2 agosto ’80” canzone nella quale ci siamo immaginati una possibile storia di un ragazzo che scopre la verità sulla sua storia d’amore come conseguenza della tragedia alla Stazione di Bologna; abbiamo avuto l’occasione di eseguire questa canzone anche in un emozionante concerto proprio nella sala d’attesa dove è esplosa la bomba, e alla fine del live ci hanno avvicinato due persone e ci hanno raccontato che la trama di questa canzone era accaduta a una loro conoscente che ha perso la vita quel giorno.
La seconda è “Il capolavoro”, canzone ispirata da un pittore che dipinge sulla via principale nel centro di Bologna, tutti i bolognesi lo hanno visto nelle loro passeggiate sotto i portici. Proprio qualche settimana.

 

7. Quali sono i vostri progetti per il futuro?

Al momento siamo al lavoro su un allestimento teatrale di “Bologna FM” e stiamo preparando uno spettacolo buskers con cui sfogare il nostro animo gitano. Ma nel cassetto ci sono anche un “talk show”, un musical, e altri sogni decisamente inusuali per una band… oltre ovviamente a nuove canzoni che fanno capolino e prima o poi presenteremo ai nostri fan!

 

8. Un ultimo saluto…

Ciao a tutti i lettori di Rock Temple! Siate curiosi e continuate ad avventurarvi nell’ascolto di cantanti e gruppi che non conoscete, lasciarsi sorprendere dalla nuova musica è un’esperienza entusiasmante!

lefragole Maremosso

 

LeFragole: BIOGRAFIA

LeFragole sono un duo musicale di cantastorie che mescola il cantautorato pop-rock a una messa in scena teatrale che contestualizza ogni brano e coinvolge il più possibile il pubblico nello spettacolo.

Nei 10 anni di carriera la band ha pubblicato “La piccola enciclopedia del bosco” vol. 1-2-3 e “Gli amanti”, album che hanno ottenuto riconoscimenti da pubblico e critica, tra i quali “Album più originale dell’anno 2008” da Radio Popolare Network e il 1° posto nella Indie Music Chart nel 2016.

Alcuni brani de LeFragole sono stati inseriti nelle compilation “Pistoia Blues Festival 2015” e “Una canzone per Genova”; inoltre si esibiscono alla finale del Premio De André 2008 mentre nel 2013 vincono il premio “Una canzone per Bologna”.
I loro brani ed eventi live hanno stretto un forte legame col tessuto sociale del capoluogo emiliano, portandoli anche a suonare in uno speciale concerto nella sala d’attesa della stazione di Bologna, in collaborazione con l’Associazione Familiari delle Vittime 2 agosto 1980.

Il profondo amore per la loro città li ha portati anche a sviluppare lo spettacolo di teatro-canzone “Bologna FM”, che attraverso brani inediti e aneddoti narrati racconta la sua storia e le curiosità che la rendono così magica

Tracklist “Maremosso”

1. Maremosso
2. Radio Alice
3. Il capolavoro
4. La canzone del sorriso
5. Maledetta l’amicizia
6. 2 agosto ’80
7. La mia via
8. La favola degli orchi
9. Voce profumata
10. Destino
11. Sulle relazioni
12. Sono un fiore
13. Non lasciarmi mai
14. Una vita a part-time
15. Baciabbraccio
16. Do
17. Schizzovia
18. Quasi suicidio sulle scogliere di Moher
19. Il cuore non ha sempre ragione

 

LeFragole: CONTATTI

Concludiamo questo spazio dedicato ai “LeFragole” con uno dei brani del loro nuovo album “Maremosso”. BUON ASCOLTO

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related posts

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"