Witches of Doom: L’Intervista alla band!

Witches of Doom L'Intervista alla band

Un altro appuntamento con le interviste di Rock’s Temple vede come protagonisti i Witches of Doom, band nata a Roma a Gennaio del 2013, quando Federico Venditti –chitarre-, Danilo Piludu –voci- Jacopo Cartelli -basso- e Andrea Budicin -batteria- uniscono le proprie forze e le proprie esperienze musicali per dar vita ad una band di goth-stoner-doom rock, che spazia dai nomi tutelari anni ’70 fino agli anni ’90.

 

Scoprite la line up attuale e la biografia alla fine dell’intervista!


 

1) Diamo il benvenuto ai Witches of Doom. Ragazzi com’è nato il vostro progetto?

I Witches of Doom nascono nel 2013 e dopo un periodo di assestamento della line up ci siamo subito tuffati nella composizione del nostro debutto Obey che ha visto la luce nel 2014…nemmeno a un anno di distanza dalle prime prove della band.

 

2) Da cosa nasce il vostro nome?

Il nome Witches of Doom era il titolo di un brano che avevo scritto tempo prima e che canticchiavo per far sentire la melodia ai ragazzi..poi Danilo e Jacopo –voce e basso- se lo sono ricordati tempo dopo e abbiamo deciso che poteva essere il nome giusto per la band…Le Streghe della Sventura…

 

3) C’è qualche band che vi ha aiutato a definirvi nel vostro percorso?

Ce ne sono tantissime e l’elenco per ciascuno di noi è lunghissimo..in sintesi ti posso dire che il nostro sound è un mix di Danzig, Type o’ Negative, Paradise Lost, Moonspell, Depeche Mode, Black Sabbath, Soundgarden, Alice in Chains e Nine Inch Nails

 

4) Quale lavoro c’è stato dietro il vostro album Love Will Tear Us Apart?

Love will Tear us Apart è una cover dei Joy Division rifatta a modo nostro… l’idea di far uscire un singolo è nata per tappare il buco tra Deadlights e il nuovo album che dovrebbe uscire entro la fine dell’anno….salvo imprevisti.

 

5) Cosa cambia rispetto i vostri due album precedenti?

Dal punto di vista del sound questo singolo esprime la voglia di ritornare in parte alle sonorità più hard rock e stoner del primo album….ritorno testimoniato dal fatto che per il terzo album vorremo tornare allo stesso studio dove abbiamo registrato l’esordio.

 

6) Lavorerete a qualche progetto interessante per questo nuovo anno?

Oltre al lancio del nuovo disco entro la fine dell’anno, abbiamo in programma di organizzare un tour europeo con qualche nome interessante..ma è ancora presto per dirlo….

 

Ringraziamo i Witches of Doom per l’intervista, continuate così ragazzi!


 

Witches of Doom: Biografia

La band romana Witches of Doom nasce nel Gennaio 2013, quando Federico Venditti –chitarra (ex Ossimoro), Danilo Piludu–voce, Jacopo Cartelli – basso e Andrea Budicin–batteria uniscono le proprie forze e le proprie esperienze musicali per dar vita ad una band di goth-stoner-doom rock, che spazia dai nomi tutelari anni 70 fino agli anni 90.
Il combo capitolino inizia a provare subito pezzi propri, cercando una formula musicale più personale possibile. Dopo un paio di mesi le “Streghe” iniziano a calcare i palchi di molti club romani, mettendosi in mostra per la loro carica goth rock, facendosi le ossa con molti gruppi già affermati.
Avendo composto più di dieci brani inediti, la band si concentra nell’arrangiamento degli stessi e ad inizio Novembre si rinchiude negli “HombreLobo Studios” con l’esperto Fabio Recchia (Nohaybanda trio, Gemanotta Youth) in cabina di regia, dando vita al debutto “Obey”. Dieci brani di puro goth-stoner-doom rock, che pesca e prende ispirazione dai Black Sabbath,Cult, Paradise Lost, Doors ma anche Sisters of Mercy, Depeche Mode e molti altri.
Il sound del gruppo in sala di incisione ha avuto l’apporto delle tastiere di Fabio Recchia e Graziano “Eric”Corrado, donando un tocco in più al potente sound delle “Streghe”. A Febbraio 2014, in prossimità della fine del missaggio del disco, viene reclutato Graziano “Eric” Corrado in pianta stabile alle tastiere, in modo da essere pronti per l’intensa attività live per promuovere il disco, uscito a Maggio 2014.
I Witches of Doom firmano nel Maggio 2014 per l’americana Sliptrick Records e suonano il nuovo disco live in Italia e in Nord Europa ricevendo molti feedback positivi. A Giugno 2015 esce il singolo del classico degli U2 “New Year’s Day” al quale segue un videoclip girato per l’occasione a Liepaja (Lettonia). Il brano viene prodotto da Frederik Folkare degli Unleashed, e con la partecipazione di Paul Bento alla chitarra solista (ex Type O Negative ed ex Carnivore).
Il secondo album “Deadlights” vede la luce nel 2016 (Aprile, in digitale – Settembre in formato fisico). Il mix dell’album viene affidato nuovamente allo svedese Fredrik Folkare, già autore del mix del singolo precedente.
Ottiene subito moltissimi passaggi radio, un ottimo responso di vendite e trova la band ad affiancare il disco con band come i francesi Lizzard, Blood Ceremony, Mpire of evil ( i due terzi degli storici Venom con Mantas e Demolition Man) e tantissime altre band. Dopo un altro tour con varie datr in Europa per supportare l’uscita del disco, alla fine del 2017 registrano un altro singolo-cover “Love will tear us apart” (storico brano dei Joy Division), realizzato, come il precedente, solo in supporto digitale. Registrato e mixato nel “Hombrelobo studio” così come era accaduto per il primo disco della band. Nel 2018 i witches of doom iniziano l’anno chiudendosi in studio per la composizione del terzo disco.

 

Witches of Doom: Line-Up

  • Federico “Fed” Venditti – guitar
  • Danilo “Groova” Piludu – Vox
  • Graziano “Eric”Corrado-keyboard
  • Jacopo Cartelli- bass

 

Witches of Doom: Contatti

 

Concludiamo quest’intervista con il video della recente cover “Love Will Tear Us Apart”

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related posts

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"